Pubblicato da: max | marzo 2, 2019

Partenza

C’è una sera che scende,
a nessun’altra uguale,
sui campi avanza, e lumi non accende.

Di seta sembra da lontano, pure
quando t’avvolge le ginocchia e il petto,
non è per confortare.

L’albero che saldava terra e cielo
dov’è fuggito? Qui sotto le dita
cosa c’è, che non posso percepire?

Qual è il peso che grava le mani?

Philip Larkin – Traduzione di Silvio Raffo

In sottofondo: “Twilight” – Joe McBride


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: