Pubblicato da: max | marzo 26, 2017

Consigli ad un amante abbandonato

Prova a pensarci: se trovassi un uccello morto,
non solo morto, non solo caduto,
ma pieno di vermi, proveresti
più pena o più disgusto?
La pena è per il momento della morte,
e per quelli successivi. Si trasforma
con la decomposizione, col fetore insinuante
e i vermi saprofaghi che ingrassano e si dimenano.
Se torni più tardi, invece, troverai
una figurina d’ossa linde, alcune penne,
simbolo inoffensivo di ciò
che un tempo visse. Niente di raccapricciante.
Ti è chiaro adesso? Ma forse trovi
che l’analogia che ho scelto
per la nostra storia finita sia piuttosto macabra –
un paragone spiacevole.
L’ho scelta apposta. In te
vedo i bachi vicino alla superficie;
sei divorato dal vittimismo
e strisci sgradevole e patetico.
Se ti toccassi, sentirei sotto le dita
pelle di verme grassa e umidiccia.
Non chiedermi pietà, adesso:
stai lontano finché le tue ossa non saranno pulite.

Fleur Adcock

In sottofondo: “Midnight Mood” – Matt Otten

Annunci

Responses

  1. Ma che bella!
    Quarc

    • Dopo foto e canzone sono riuscito a farti leggere una poesia per intero Quarc 🙂 🙂 🙂 …. ovviamente scherzo. Ciao

      • Bella l’illustrazione… anzi stupenda.
        Non ho letto la poesia e non ho ascoltato la canzone… l’illustrazione è speciale.
        Buon pomeriggio.
        Quarc

    • ah … parlavi del quadro??? suggestivo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: