Pubblicato da: max | ottobre 1, 2016

Caro Paul

caropaul

Vienna, 24 novembre 1949

Caro, caro Paul,
adesso siamo a novembre. La lettera che avevo scritto ad agosto è ancora qui – è tutto cosí triste. Forse allora l’hai attesa. Oggi l’accogli ancora? Sento che ti dico troppo poco, quando dico che non posso aiutarti. Dovrei venire, guardarti, tirarti fuori, baciarti e sostenerti, per non farti scivolare via. Ti prego credimi, un giorno verrò e ti porterò via con me. Piena di paura vedo che vieni spinto alla deriva in un mare immenso, ma io voglio costruirmi un vascello e ricondurti a casa lontano dal tuo smarrimento. Devi anche tu metterci del tuo e non rendermi il compito troppo difficile. Il tempo e molte cose ancora sono contro di noi, ma il tempo non ha il diritto di distruggere ciò che da lui vogliamo salvare. Scrivimi presto, ti prego, e scrivi se vuoi ancora una mia parola, se puoi ancora accogliere la mia tenerezza e il mio amore, se qualcosa ancora può aiutarti, se tu ogni tanto tendi ancora la mano verso di me e mi oscuri con il sogno pesante, nel quale vorrei splendere come una luce. Tenta, scrivimi, rivolgiti a me, allontana da te, scrivendo, tutto ciò che ti opprime!
Ti sono vicinissima

Tua Ingeborg

In sottofondo: “We’ll Be Together” – Annie Lennox & Sting

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: