Pubblicato da: max | luglio 1, 2016

Una forma d’eternità

formadeternità

Ma la paura era questo?

Non i minacciosi
fantasmi del pensiero e della coscienza.
Non i lunghi corridoi d’ospedale
con tubi fluorescenti giorno e notte.
Neppure il tremore d’irrealtà
che rimane nell’anima se ricordi.

La paura, sembra, è quieta:

arriva quando chiudi la finestra
e capisci che tutto quanto guardi
è lo stesso di ieri, e lo stesso
sarà domani e per sempre.

Felipe Benìtez Reyes

In sottofondo: “High Noon” – Steve Oliver

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: