Pubblicato da: max | novembre 20, 2015

Amore

riflesso

Questa poesia ha due estremità.
Nella prima sai
che sei un forestiero in terra straniera,
un ospite a un festino in casa d’altri,
che non capisci nulla e nulla ti appartiene,
e la seconda è l’amore.

Quando arriva in qualche posto
un individuo sensato sa
di essere solo.
Sa che noi, gente,
tagliamo le teste e spezziamo le membra,
leghiamo con corde, catene e contratti,
mettendo sottochiave in cantina e nelle soffitte di alte torri.
Una persona ragionevole teme il prossimo
e più di ogni altra cosa
ha paura di se stessa.
Quando giunge in qualche luogo,
entra in un bosco oscuro
e impenetrabile.

In amore non è affatto diverso
solo talvolta ci sembra
che qualcuno,
che guardava per sbaglio dalla nostra parte,
ci abbia visti.

L’amore è rifrazione della luce e lo sai
che non dura.
Non c’è niente che potrebbe trattenere
la paura a debita e permanente distanza.
Quando cogli il tuo riflesso nella vetrina, vedi
come da una faccia distinta e raffinata ti fissa
con diffidenza una bestia feroce.

Katja Perat – traduzione di Jolka Milič

In sottofondo: “Distant lover” – Kim Waters

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: