Pubblicato da: max | novembre 12, 2015

Sull’ultima riga di un foglio bianco

sullultimariga

Ho sempre creduto
alla bellezza delle ombre dei salici,
alla quiete dei ruscelli,
al male di vivere
che esplode come un temporale
nel cuore del silenzio.
Ho sempre creduto
che la vita precedesse la morte
fino a farmi sostegno dei miei cedimenti.
Ho dovuto ricredermi sulla vita
e solleticarmi dentro gli specchi
per non annegare
nel riflesso di un oceano senza fondo.
Come coralli
si sono colorati di rosso
tanti ricordi.
Anche gli occhi per il fumo del silenzio.
Le labbra, un maglione,
e le bacche di pungitopo
di ogni inverno senza ritorno.
Si è colorato persino il cielo
e le mani con cui mi hai consigliato
di sedermi sull’ultima riga
di un foglio nato bianco.
Ecco, sul fondo del fondo,
dietro i giorni che ho perso piangendo
e dentro un cerchio
che mi ha partorito prematuramente
tutto ha avuto inizio.
Tutto ha ancora inizio
e anche domani
ci sarà un altro inizio.
Quanta fatica stare sull’ultima riga
di un foglio bianco
che non ha neanche una virgola
come appiglio.

Beatrice Niccolai

In sottofondo: “Shine” – Paul Hardcastle

Annunci

Responses

  1. Profonde e vere queste parole, bellissime.
    Buona giornata 🙂

    • Grazie per il commento. 🙂 Buonanotte


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: