Pubblicato da: max | ottobre 3, 2015

Autoelegia e un ombra

autoelegiaeombra

Al chiaro della sabbia
nudo è il suo corpo ancora,
quando due altri astri sono gli occhi.
Un corpo sconosciuto, poi calore,
adesso che con pigri movimenti
ho raccolto gli indumenti caduti
sotto l’ombra del pino,
i bianchi indumenti dimenticati.
Nella sera già fredda,
con compiaciuto ardore e con tristezza,
vestiamo i nostri corpi,
con ancora le labbra sulla carne
tra il risuonare stanco delle onde.

Quando appare la luce e già ferisce,
ritorna alla città
la nostra bella e afflitta giovinezza.

Francisco Brines – traduzione di Emilio Coco

In sottofondo: “You & I (Nobody in the World)” – John Legend

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: