Pubblicato da: max | settembre 10, 2015

E’ necessario restare alle intemperie

aprolanotte

Apro la notte per riceverti. In ogni parola
le mie mani iniziano un lungo cammino verso l’ombra,
verso ciò che non è possibile stringere. E nonostante ciò
eccolo qui come se volessi portare un pezzo di noi stessi,
un frammento di luce, una sillaba chiusa nel suo mistero.

Nominarti è l’inizio dell’esilio. E restare in te
un continuo commiato. Offro i mie occhi a ciò che si diluisce sotto la tua lampada.
L’eternità che si apra un pezzo alla volta minuto a minuto perché io possa entrare in lei.
Senza corteggiamenti. Senza una guida per i miei passi.

Scrivo nella polvere questo non sapere in che direzione,
a che distanza si nasconde la rosa.
Il nostro dialogo è l’inizio del viaggio, il suo silenzio il cammino del ritorno.

E’ necessario restare alle intemperie.

Lucía Estrada

In sottofondo: “I’m Into You” – Chet Faker

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: