Pubblicato da: max | novembre 3, 2014

Elegia

elegia

Ancora ti sorprendo e non so come
nella mia poca quiete, generata
dalla bassa marea, qui ricondotta
da secoli d’angustie.
Dopo i gesti
abituali d’amore, l’espiazione del sonno
aspettavo. In un vuoto di memoria
fiorivano parole logorate dall’uso,
allora, e la mia mano
sopra la tua posavo: tu dormivi
sazia d’amore. Cara, il nostro darci
e prenderci è per noi l’ultimo danno,
volevo dirti. Poseremo il fianco
qui per l’ultima volta; lasceremo
questa riva e il suo mitico entroterra,
noi, gli umani. Altre parole
volevo dirti, non sapute, mai dette.
Nasceremo di nuovo? Conteremo
altre notti, una, due? Da lontano verrai
nella mia poca quiete, se il ritorno
mi sarà dato.
Come
non so dirti, ma l’ansia che il tuo viso,
dopo tanti anni, mi risveglia nasce
ancora da un dolore non estraneo, prezioso.

Camillo Fonte

In sottofondo: “Your goin’ miss your candyman” – Terry Callier

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: