Pubblicato da: max | novembre 2, 2014

Il vento va e viene

fogliealvento

La domenica all’alba, mentre i preti applicavano
ostia e vino sulle umane ferite, noi
per curarci ci distendevamo: privi,
temo, di paramenti, ma gli amici di Francesco gridavano
nella navata di pini, sazi di sole, ed elusivi
come angeli volavano attorno alla barriera
di rami sopra di noi, affondati in un soffice
letto sfatto di aghi, e nel mare del nostro simultaneo morire.

«È madre di bellezza la morte». Ogni foglia al suo posto
di piacere tremando, noi moriamo per star bene…
Incuranti dell’amore assonnato, da tanto disamorati.
Che importa se la nostra convalescenza sarà come noi
breve, se il mattutino è già campana a morto?
In mezzo ai pini nostro fratello, il vento, va e viene.

John Berryman

In sottofondo: “Foglie di Beslan” – Giovanni Allevi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: