Pubblicato da: max | gennaio 16, 2014

Ius (soli) ?

immigrati

Con i suoi pericoli, e con le sue promesse, l’altrove è già lì, alle porte. L’immagine dell’altrove è quella di un “ove” che non si mostra per se stesso, ma solo come negazione del positivo, rassicurante qui.
Se così è, si intuisce come la paura sia il riflesso di un niente, di una condizione che sperimentiamo in negativo, come un venir meno del sistema di abitudini e di parole, di cose e di persone che chiamiamo casa o paese, o magari etnia o razza. E s’intuisce come, spesso, ce ne stiamo vinti nei confini di questo luogo chiuso, prigionieri di un niente anche solo immaginato.

Roberto Escobar da “Metamorfosi della paura” – Il Mulino Ed.

In sottofondo: “Mio Fratello che guardi il mondo” – Ivano Fossati


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: