Pubblicato da: max | dicembre 2, 2013

Il taxi

iltaxi

Quando mì parto da te
il mondo batte sordo
come un tamburo afflosciato.
Io chiamo il tuó nome contro le stelle protese
e grido entro i crinali della notte.
Le strade avanzano rapide
una dopo l’altra,
s’inseriscono fra te e me,
e le lampade della città mi trafiggono gli occhi
cosí non vedo piú la tua faccia.
Perché lasciarti,
andarmi a ferire contro gli spigoli aguzzi della notte?

Amy Lowell

In sottofondo: “La voglia, La pazzia, L’idea” – Mario Biondi


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: