Pubblicato da: max | ottobre 20, 2012

Prima che asciughino quei due o tre baci

Prima che asciughino quei due o tre baci

sulla fronte

e qui e lí,

ti chinerai per bere

acqua d’argento dallo specchio,

e se nessuno ti starà a guardare

ti toccherai le labbra con la bocca.

C’è un tempo in cui piú svelto delle dita

che lo scultore passa sulla creta

il sangue impaziente ti modella

il corpo dal di dentro.

Forse stringerai tra le mani

i tuoi giovani capelli

e li solleverai sopra le spalle

perché somiglino piuttosto ad ali,

e davanti a loro prontamente correrai

dove proprio davanti agli occhi

e sul fondo estremo dell’aria

sta il grande, erto, conturbante

e dolce nulla,

che splende.

Jaroslav Seifert

In sottofondo: “Skyfall” – Adele


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: