Pubblicato da: max | novembre 18, 2011

Se ora tu bussassi alla mia porta

Se ora tu bussassi alla mia porta
e ti togliessi gli occhiali
e io togliessi i miei che sono uguali
e poi tu entrassi dentro la mia bocca
senza temere baci diseguali
e mi dicessi “Amore mio,
ma che è successo?”, sarebbe un pezzo
di teatro di successo.

Patrizia Cavalli

In sottofondo: “Dentro me” – Marina Rei


Responses

  1. Una delle poche poesie omosessuali in circolo lasciatela tale… Avrebbe molto più senso con due donne.

    • Che il contorno sia una immagine etero o omosessuale non cambia la sostanza della bellezza delle parole. L’Amore non ha genere ed a quelle parole possiamo mettere tutte le immagini che vogliamo.
      Se il principio fosse quello che dici tu, allora quali immagini dovremmo mettere su questi versi ?
      “Penso che forse a forza di pensarti
      potrò dimenticarti, amore mio.”, o su queste,
      “Oggi il mio cuore superbamente alberga
      nel suo immenso malumore. Addio. Pazienza.”

      P.C.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: