Pubblicato da: max | settembre 27, 2011

Ho parole straniere in punta di lingua

Ho parole straniere in punta di lingua.

Un nodo stretto allo stomaco.

Se non ti parlo è perché ti ho detto più di quanto saprei dirti….

Con fili di silenzio ti ho disegnato: il lungo travaglio della mente che ti partorisce ogni quando mi manchi.

Ti fai sospiro e tormento.

Per troppe braccia allungate invano.

Troppi occhi lanciati all’orizzonte del tuo divenir sostanza ad ogni costo.

Anileda Xeka

In sottofondo: “I Wish I Knew How It Would Feel To Be Free” – Lighthouse Family


Responses

  1. ma questo blog è meraviglioso, grazie della tua sensibilità, max? o chiunque tu sia

  2. Grazie per tutta la dolcezza e le splendiide poesie, continua così, max? o chiunque tu sia


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: